"PISTACCHIO SGUSCIATO VERDE DI BRONTE" D.O.P. - 100g Don Tanu

"PISTACCHIO SGUSCIATO VERDE DI BRONTE" D.O.P. - 100g

10,30 €

Descrizione breve: La coltura del pistacchio venne introdotta dagli Arabi, come sembrerebbe testimoniare l’etimologia del termine dialettale siciliano “fastuca” che corrisponderebbe al termine arabo “fastuq”. È proprio agli Arabi che si devono molte ricette di dolciumi con ripieno alle mandorle, datteri e pistacchi, dolci cardini della pasticceria siciliana. 

Ingredienti: Pistacchio verde di Bronte D.O.P. lievemente tostato.Pistacchio 100% verde di Bronte D.O.P. Ottenuto dalla sgusciatura dell’ultimo raccolto, sul versante occidentale dell’Etna. Essiccato naturalmente al sole, naturale, non salato, non tostato, sgusciato. Può contenere tracce di altra frutta in guscio. Senza lattosio, senza glutine, vegan.

Può contenere tracce di altra frutta in guscio.

Senza lattosio, senza glutine, vegan.

Conservazione: Conservare in luogo fresco e asciutto e lontano da fonti di calore.

Prodotto soggetto a calo di peso naturale.

Formato

Pagamenti sicuri al 100%

La coltura del pistacchio venne introdotta dagli Arabi, come sembrerebbe testimoniare l’etimologia del termine dialettale siciliano “fastuca” che corrisponderebbe al termine arabo “fastuq”. È proprio agli Arabi che si devono molte ricette di dolciumi con ripieno alle mandorle, datteri e pistacchi, dolci cardini della pasticceria siciliana. 

Don Tanu nasce dall’idea e dalla volontà di trasmettere la passione nei confronti di una delle più famose eccellenze siciliane nel mondo: il pistacchio DOP di Bronte, la cui unicità è garantita dalla certificazione DOP.

Don Tanu tiene a comunicare non solo la dedizione verso i prodotti della sua terra ma anche la storia di un’isola, la Sicilia, una terra ricca di antiche tradizioni e di valori forti e autentici che vengono tramandati di generazione in generazione.

La coltura del pistacchio venne introdotta dagli Arabi, come sembrerebbe testimoniare l’etimologia del termine dialettale siciliano “fastuca” che corrisponderebbe al termine arabo “fastuq”.
È proprio agli Arabi che si devono molte ricette di dolciumi con ripieno alle mandorle, datteri e pistacchi, dolci cardini della pasticceria siciliana.

Dal 1929, Bronte è il polo di riferimento del settore del pistacchio nazionale. Il primato è stato conquistato grazie al lavoro degli agricoltori siciliani che da più di 200 anni hanno fatto dei terreni aridi e accidentati il contesto ideale per creare una vasta area di pistacchio valorizzando il terebinto (Pistacia terebinthus). È, però, proprio il terreno vulcanico dell’Etna che fa del pistacchio l’eccellenza conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

PST_SGS_100
5 Articoli
Nessuna recensione
Product added to wishlist

Questo sito utilizza i Cookie per garantirti una esperienza di navigazione ottimale. Cliccando ACCETTO dichiari di essere consapevole dell'utilizzo dei Cookie e di aver preso visione della nostra PRIVACY POLICY.